• 04.05.2017

    Giovani fuori e dentro… con i cibi giusti

    È noto ormai da tempo che una corretta alimentazione rappresenta una valida alleata nella prevenzione e nella terapia di molte patologie. Negli ultimi anni anche la ricerca clinica nel settore dell’healthy aging, cioè del sano invecchiamento, ha riconosciuto alla dieta un ruolo importante nel contrastare l’invecchiamento e nel proteggere l’organismo nei suoi aspetti, sia estetico sia funzionale.

    Il processo di invecchiamento cellulare è naturale, ma può essere reso più veloce da molteplici fattori che caratterizzano la vita di oggi come lo stress, l’inquinamento, la dieta squilibrata, il fumo, l’eccesso di alcol, la mancanza di un adeguato riposo, l’eccessivo consumo di farmaci. Questi fattori aumentano la produzione di radicali liberi, ossia di molecole capaci di danneggiare le strutture biologiche dell’organismo quali, ad esempio, le pareti delle cellule, gli enzimi, il DNA; una quantità eccessiva di radicali liberi danneggia le cellule fino a distruggerle, accelerando l’invecchiamento cellulare, provocando l’indebolimento del sistema immunitario e rendendo marcatamente visibili i segni dell’età, soprattutto sulla pelle.

     

    Gli antiossidanti

    Gli antiossidanti sono molecole che introduciamo con gli alimenti o che produciamo direttamente. Questi hanno la capacità di prevenire la formazione dei radicali liberi e di contrastarne l’azione di danneggiamento cellulare. Tra gli antiossidanti troviamo, per esempio, alcune vitamine ( A, E, C), alcuni sali minerali (selenio, zinco), i polifenoli, i flavonoidi, gli acidi grassi omega 3, 6 e 9.

    Giovani_dieta2

    Come contrastare l’invecchiamento con la dieta?

    • Consumare il pesce, fresco o surgelato, almeno 3 volte la settimana, preferendo il pesce azzurro (sgombro, sardina, ecc.), il salmone e il merluzzo, ricchi di acidi grassi omega 3, selenio, zinco, fosforo.
    • Mangiare almeno 2 porzioni al giorno di verdure di stagione, privilegiando quelle crude e quelle cotte al vapore, variando il più possibile nella scelta dei colori.
    • Introdurre 3 frutti di stagione al giorno variando la scelta dei colori poichè ad ogni colore corrispondono diversi antiossidanti.
    • Utilizzare abbondantemente le spezie (curcuma, cannella, noce moscata, zenzero, curry, ecc.) e le erbe aromatiche (aglio, basilico, rosmarino, prezzemolo, timo, maggiorana, ecc.), ricchissime di sostanze antiossidanti.
    • Consumare settimanalmente 2-3 porzioni di legumi, meglio se associati a cereali, anche integrali.
    • Condire gli alimenti con olio extravergine d’oliva o con olio di semi di mais, di girasole, di vinacciolo, preferibilmente utilizzati a crudo.
    • Consumare quotidianamente 1-2 porzioni di prodotti lattiero caseari, che danno un buon apporto di vitamine E, A, selenio e zinco.
    • Evitare il consumo di alimenti ad alta densità calorica, ricchi in zuccheri semplici e in acidi grassi saturi (dolci, fast food, superalcolici, bibite).
    • Idratare adeguatamente l’organismo, bevendo almeno 8-10 bicchieri di acqua durante la giornata per preservare la funzionalità dei vari organi ed apparati, ma anche per ridurre gli inestetismi cutanei e per donare più lucentezza alla pelle. È anche possibile integrare l’acqua con tisane o con tea verde.

     

    Per saperne di più:

    www.epicentro.iss.it/focus/mondiale_salute/gms_12.asp

    www.fondazioneveronesi.it