• 01.08.2017

    Divertirsi con gli elastici e la ginnastica… flessibile

    Allenarsi con bande ed elastici è un modo pratico e divertente per esercitare arti superiori, inferiori e tronco, sia in palestra sia a casa. Con la forza espressa dai nostri muscoli sarà possibile allungare l’elastico o la banda, sfruttando la resistenza che offre. Per questo tipo di allenamento è importante ricordare che va controllata anche la fase di ritorno, momento in cui l’elastico torna alla propria lunghezza originaria. Evitiamo il ritorno “a scatto” e, al contrario, grazie alla tensione dei nostri muscoli, gradatamente riconduciamo l’elastico e il nostro corpo alla posizione di partenza.

    Esistono elastici di intensità diversa, contraddistinti da vari colori e, dunque, adatti a tutti i livelli di pratica. Se devono essere acquistati (si trovano a prezzi contenuti in qualsiasi negozio di sport o sul web) meglio sarebbe partire con quelli d’intensità medio-bassa per poi passare a quelli più rigidi. Se esistono patologie alla spalla, meglio utilizzare i primi.

    Questi attrezzi hanno un’elasticità che favorisce i movimenti sia per gli arti superiori, sia per quelli inferiori. Possono diventare quindi una buona alternativa al bastone (vedi qui un nostro link) che invece non varia la sua lunghezza e possono essere di supporto soprattutto per chi ha rigidità a livello muscolare e articolare.

    Elastici750x500

    Ecco alcuni esempi di esercizi:

    • dalla stazione eretta appoggiare l’elastico al dorso, impugnare le estremità con le braccia tese in fuori, mani all’altezza delle spalle, quindi portare le braccia tese in avanti, tirando l’elastico (10-15 ripetizioni). L’esercizio serve per la tonificazione di muscoli pettorali, dorsali, arti superiori;
    • dalla stazione eretta, gambe leggermente divaricate, elastico sotto i piedi, impugnare l’estremità dell’elastico e, con braccia tese, portare le mani in fuori, lontano dal corpo (10-15 ripetizioni). L’esercizio tonifica i muscoli delle spalle;
    • Per allenare i muscoli dorsali: da seduti, gambe tese avanti appoggiate a terra, elastico sotto i piedi, impugnare le estremità e, partendo con le mani all’altezza dei fianchi, portare i gomiti all’indietro, tenendo le spalle basse (10-15 ripetizioni);
    • supini, dorso a terra, arti inferiori in alto, legare l’elastico alle caviglie, i piedi sono in partenza almeno alla larghezza delle spalle, spingere le gambe in fuori, divaricandole il più possibile (10-15 ripetizioni). Questo esercizio allena i muscoli addominali e adduttori della coscia.

    È sempre bene ricordare, durante gli esercizi, di respirare regolarmente, evitando l’apnea.