• 25.09.2018

    Come si legge l’etichetta della certificazione biologica?

    Sentiamo parlare di biologico da ogni angolo di strada (o, forse meglio, supermercati!) e l’argomento ci interessa sempre di più.
    Perché mangiare bio ve lo abbiamo già spiegato: non solo fa bene a voi, ma anche all’ambiente che vi circonda. La domanda che resta, però, è come sapere che effettivamente stiamo mangiando biologico?

    Nell’era delle fake news sembra inevitabile inciampare nella “falsa notizia” del biologico: in tanti lo scrivono a grandi lettere, ma come essere davvero sicuri che dietro le parole ci sono i millantati fatti?

    Semplice: basta saper leggere l’etichetta bio! Le etichette degli Oli del Benessere mostrano tutte le normative che un prodotto bio dovrebbe riportare. Fate particolarmente attenzione:

    • al nome del prodotto: solo i prodotti con almeno il 95% di ingredienti biologici può definirsi bio
    • alla eurofoglia: ovvero il logo comunitario, reso obbligatorio dal regolamento dell’Unione Europea da luglio 2010
    • all’organismo di controllo: accanto al logo comunitario deve essere presente il codice identificativo dell’organismo di controllo. Il codice è composta da una sigla che identifica lo stato membro (IT nel caso della nostra etichetta) edalla sigla che rimanda alla produzione biologica (BIO per l’italia, EKO o altre denominazioni per altri paesi)
    • al codice dell’operatore controllato: ovvero il codice identificativo dell’operatore che ha eseguito il controllo.

    Benvolio-FB-cover_articolo-201809-14

    In estrema sintesi biologico significa che il prodotto è stato coltivato in terreno dove va almeno due anni è stato sospeso l’uso di prodotti chimici di sintesi, non è entrato in contatto con nessun tipo di concime o antiparassitario chimico, è stato controllato accuratamente e pertanto è sicuro. Per noi e per l’ambiente.